Reviews

Rootless "Brian Had A Little Plate"

04-05-2006

Various

FRANCESCO BIGONI _tenor sax

SIMONE GUIDUCCI _guitar

LUCA DELL'ANNA _piano

DANILO GALLO _double bass

MASSIMILIANO SORRENTINI _drums

____________________________________________________________________________________________________________

Brian Had A Little Plate, dei Rootless, è un lavoro di grande impatto, grazie alle sonorità intense, alle strutture ritmiche dalle cadenze progressive, quasi a volute o a onde, e al modo polifonico in cui i solisti interagiscono. Determinante nel quintetto l’apporto della chitarra di Simone Guiducci, in una inedita veste elettrica (si ascoltino ad esempio “Keep the Focus” o il finale di “Nice Guys”), del basso di Danilo Gallo e della batteria di Massimiliano Sorrentini, impetuoso e presente ma, forse seguendo le tracce dei batteristi di El Gallo Rojo (De Rossi e Dani), sempre molto attento alla varietà tanto ritmica, quanto cromatica.Su una base ritmica robusta come quella composta dai tre citati (anche se, come è ovvio, Guiducci si affaccia spesso sulla front line), particolare il lavoro svolto dal pianoforte di Luca Dell’Anna e dal sax tenore di Francesco Bigoni (con Gallo anche autori a turno delle dieci tracce). Dell’Anna si dedica infatti solo a tratti al ruolo classico del pianoforte, per prendere invece molta parte nella composizione del tessuto ritmico, mantenendolo marcatamente progressivo anche negli assoli; Bigoni è con frequenza in primo piano, quasi surfando sulla ritmica con lunghe prolusioni, composte però di frasi semplici, sempre leggermente variate specie nell’accentazione e nella dinamica (“Lose Focus”, “Brian’s Little Plate”). Valutazione: 4 stelle

Neri Pollastri _All About Jazz _ http://italia.allaboutjazz.com/php/article.php?id=1222

___________________________________________________________________________________________________________

Accostamento e sovrapposizione. Direzioni sghembe e trasversali. La costruzione del suono si avvale di movimenti sempre diversi. In Brian's Little Plate chitarra e sassofono si uniscono, si allontanano, assumono compiti diversi, lasciano che il pianoforte apra le improvvisazioni, spostando l'attenzione su altri accenti del brano, il pianoforte stesso ridotto, nel tema, a un ruolo di semplice punteggiatura, la ritmica che regola volume e intensità del suo apporto con precisione a seconda di quanto accade.
É una costruzione che continua per tutto il disco e si definisce istante per istante.

Fabio Ciminiera _Jazzconvention maggio 06

___________________________________________________________________________________________________________

La presenza di un gruppo fuori dal consueto, almeno per la scena nazionale, che si dà l´appropriato nome di Rootless, senza radici, è di sicuro uno stimolo per ascoltatori ed organizzatori a dare uno sguardo a delle realtà che si rivelano importanti. [...] Insieme scelgono una via che sintetizza la contemporaneità dando un senso alla diversità di ispirazioni senza operare con collages di citazioni che sono il fulcro di un postmoderno ormai fuori moda. [...] Un progetto senza radici, che ha le carte in regola per durare nel tempo e che merita attenzione anche da parte della scena internazionale.

Cosimo Parisi _Music Boom marzo 06

____________________________________________________________________________________________________________

Brian Had a Little Plate is one of the greatest recordings released by El Gallo Rojo Records in 2005. Rootless captures our ears and attention for their timbre and psychedelic sound instead of notes or fixed pitches.

Ana Isabel Ordonez 
_Jazz Review _april 07 
http://www.jazzreview.com/cd/review-18717.html

____________________________________________________________________________________________________________

Brian Had A Little Plate is as good an example as any of modern jazz that is cognizant of the history of the tradition but clearly draws upon contemporary influences from hip hop, electronics, pop and other sources. While the roots of the Italian quartet's music are more obscure, its branches are clearly growing in the direction of the members' own individuality. Rootless, created in 2001 (and featuring pianist Luca Dell'Anna, saxophonist Francesco Bigoni, drummer Massimiliano Sorrentini and bassist Danilo Gallo), defines its identity via thorough musicianship and open interaction. The recording embodies an acoustic jazz aesthetic, but the X factors can be found in their unique compositions and the addition of guitarist Simone Guiducci, who provides stellar work and interesting sounds. A sense of openness runs through each piece of music. On the opening "Brian's Little Plate, the energy is felt with earth-quaking bass, pulsing drums and an expanding melody as the piano, saxophone and effects-laden guitar build on the riff. The rhythm section lays out a plush carpet on the modern free blues of "Keep the Focus, allowing the instruments to indulge in a free-form ballad. The old world imagery of "Brunswick Road and the staggered pattern on "Unhandled Exception are performed with thought-provoking and artistic touches. This multifaceted exquisiteness can also be found on "Song for My Mother, which begins as a ballad but morphs into something strange, with multiple timbres of sax, piano and percussion, and concludes with spastic guitar and bowed bass sounds. Rootless is not bound by the confines of standard jazz, but expands on its themes. The throbbing loop-like ostinato on "Lopa Tola ends with the plug being literally pulled as the music drains away. Inventive and interesting, this is music of the here and now.

Mark F.Turner _All About Jazz USA _ http://www.allaboutjazz.com/php/article.php?id=20956